Una meraviglia selvaggia: nelle Gole di Fosso Torno (29 marzo 2018)

Da tempo avevamo intenzione di esplorare le Gole di Fosso Torno, una località da sempre snobbata ( della serie “è solo un fosso”, appunto). L’approccio della nostra associazione è esplorativo e con un occhio rivolto a località di bassa montagna per niente turistiche, ma meritevoli di attenzione.  Posti che spesso riservano delle grosse sorprese, come nel caso di queste gole. Più che di un “fosso” si tratta infatti di un vero e proprio torrente con delle forre di tutto rispetto, che ricorda in certi tratti le atmosfere del Raganello. Una meraviglia naturale usata nei decenni come discarica, ma che meriterebbe di essere bonificata e fatta conoscere, anche come un percorso di canyoning.
Dalla famiglia Oliveto che gestisce il bar di Torno, già avevamo saputo che la discesa del torrente era stata compiuta da alcuni speleologi pugliesi in estate tanti anni fa (forse l’unica esplorazione di torrentismo che si conosca). Non può essere certo un posto turistico e facilmente fruibile, essendo impervio e selvaggio, ma quantomeno bisognerebbe  rimarcare che nel territorio di Viggianello esistono gole così spettacolari.All’inizio l’obiettivo era “speleologico”, ovvero quello di esplorare alcune cavità che si vedevano sotto la strada, da Cozzo Cricchio. Lasciamo la macchina vicino al muro e scendiamo nel bosco. Sotto la strada c’è una discarica a cielo aperto: copertoni, lavatrici, recipienti di plastica vari, persino due carcasse di vecchie auto! Evito di pubblicare le foto dei rifiuti, mettendo in risalto solo ciò che abbiamo visto di bello. Incontriamo le pareti che ci interessano e ci facciamo strada con il macete tra i rovi. Dalle belle pareti percola l’acqua. Di grotte nessuna traccia però, solo piccoli “ripari” sotto le pareti. Da lontano si vede anche un ruscello che forma una cascata molto alta che scende nel torrente lungo le alte pareti (dagli abitanti di Torno al bar, verremmo dopo a sapere che si chiama “cascata della zita”). Allontanandoci dalla strada scompare finalmente l’immondizia: siamo in un bel bosco di leccio. Arriviamo finalmente giù, ma per giungere al letto del torrente dobbiamo usare la corda doppia, seppure per un breve tratto. Scesi sotto ci accorgiamo subito della bellezza del posto, un vero e proprio torrente incassato nella roccia e delimitato da alte pareti. Anche qui purtroppo di tanto in tanto si incontrano dei rifiuti, anche se più che altro di piccola entità (oggetti di plastica soprattutto). Forse la bonifica del torrente sarà possibile solo se i futuri torrentisti che frequenteranno le gole avranno la pazienza poco alla volta di portarsi uno zaino più capiente dove riporre i rifiuti incontrati. Continuiamo a scendere giù, cercando di non bagnarci i piedi e saltanto da una riva all’altra, in equilibrio su massi scivolosi. Comincia a balenare subito l’idea di una discesa integrale con le corde del torrente, quando comincerà a fare caldo ma ci sarà ancora l’acqua, che qui già verso giugno scompare. Procedendo ancora in discesa incontriamo un bellissimo tratto, più stretto, con una cascata a forma di scivolo. Qui decidiamo di fare marcia indietro per risalire il torrente fino alla frazione di Torno. Raggiungiamo il punto in cui ci siamo calati e poi proseguiamo. Non ce l’aspettavamo, ma qui le gole si restringono: sono i tratti più interessanti. Finora eravamo riusciti a non bagnarci i piedi, saltando da un masso all’altro, ma per risalire certi tratti siamo cotretti a bagnarci. Incontriamo una cascatina con una pozza di acqua alta circa un metro e mezzo ma riusciamo arrampicandoci ad aggirarla. Si prosegue la salita, le gole restano strette, lungo il torrente incontriamo grandi massi. Evitiamo di passare, per la puzza, vicino alla carogna di una pecora, forse caduta da sopra… Si prosegue ed ecco la sorpresina: una cascata di cinque metri ci sbarra la strada. Non c’è proprio modo di aggirarla. Anche se avessimo la muta e potendoci bagnare, sarebbe difficile lo stesso superarla. Si rafforza l’idea che dovremo affrontare il torrente quando farà caldo e ci sarà ancora l’acqua, attrezzati di mute e corde, scendendo le cascate con la corda in doppia, ancorata agli alberi.
Dobbiamo tornare indietro, ma più sopra, visto il dislivello che c’è ancora fino a Torno, dovrebbero esserci altri salti e altre cascate. Adesso dobbiamo trovare un modo per superare le pareti delle gole e arrampicarci, fino a raggiungere i pendii boscosi che ci porteranno alla strada provinciale. Troviamo un punto ripido che riusciamo a superare, ma arrivare sopra è più difficile di quel che sembra: il terreno è instabile e il punto da superare molto esposto, scivolare significherebbe cadere direttamente giù sulle rocce del torrente. Così mettiamo una corda in doppia ad un albero che funga da sostegno. Superato il punto esposto saliamo lungo i pendii e ci portiamo sulla strada.
Poi andiamo al bar a bere una birra e parliamo con gli avventori della nostra esplorazione. Da una foto capiscono la zona della grotta che cercavamo e ci dicono che il nome della grotta, o meglio del riparo, è “Grotta del Monaco”. Poi parliamo delle gole, che sono conosciute da alcuni locali; c’era chi attraversava Fosso Torno con le capre e chi conosceva le gole perchè ci andava  a caccia. La prima esplorazione integrale di torrentismo pare che risalga però al 2001, ad opera del Gruppo Speleo ‘Ndronico di Lecce. La famiglia Oliveto ci mostra un passpartu con le foto che all’epoca fecero gli speleologi pugliesi.
Oggi è tempo che le Gole di Fosso Torno escano dal dimenticatoio e si cominci a pensare ad un serio progetto di bonifica e di fruizione sostenibile,  nel rispetto della wilderness di questa meraviglia naturale…


75df6-13285566_10206600273467186_1172645263_n

Annunci

In ricordo di Franz Nodari

L’Associazione Gruppo Lupi San Severino Lucano esprime il proprio cordoglio per la scomparsa di Franz Rota Nodari, alpinista bergamasco conoscitore del Pollino. Anche se non ci conoscevamo di persona era da un po’ di tempo in contatto con l’Associazione e con la Pro loco ed era partecipe alle discussioni sul nostro gruppo Facebook. Personalmente ci avevo parlato al telefono e avevo avuto degli scambi di messaggi per la sua partecipazione al Festival dell’Escursionismo di luglio 2018, a San Severino Lucano. Aveva confermato la sua presenza per una conferenza sul rapporto tra cambiamenti climatici e nuovi approcci all’escursionismo e alpinismo (di professione faceva l’ingegnere ambientale). Lo ricordo come una persona gentile e disponibile: l’impressione era quella di un alpinista “umile”, anche se lui aveva scalato 80 cime oltre i 4000 metri. Ci dispiace non averti potuto conoscere di persona e non poterti più accompagnare in escursione tra i pini loricati del Giardino degli Dei. Di sicuro saresti diventato un nostro caro amico…

Saverio De Marco

(Presidente Gruppo Lupi San Severino Lucano)

 

eventi-a-bergamo-e-provincia-569190.660x368.jpg